Quali pavimenti posare durante la ristrutturazione edilizia

Quando si parla di ristrutturazioni Milano, spesso si fa riferimento al rifacimento delle pavimentazioni. Infatti, spesso i lavori si concentrano sui pavimenti per potere andare un nuovo assetto all’ambiente. Questa breve guida andiamo a sottolineare quali sono i pavimenti più utilizzati oggi per ristrutturare la casa, puntando l’accento sui loro pregi e punti di forza.

Parquet in legno

Il pavimento in legno vero è uno dei più pregiati che ci sia in assoluto. Durante le ristrutturazioni Milano spesso si prende in considerazione l’istallazione di un parquet in legno che ha ottime caratteristiche sotto diversi di punti di vista come quello estetico ma anche la durata. Pavimento disponibile in tanti formati diversi in base all’essenza scelta ma anche alle misure della tavola, sebbene oggi si preferisca sicuramente quelli più grandi.

Pavimenti in laminato

È Sicuramente vero che il parquet in legno è molto utilizzato ma risulta essere anche piuttosto costoso. Nel Momento in cui si decide di pavimentare l’intera superficie della casa, la spesa può diventare un po’ difficile da sostenere. Per questa ragione, molte persone scelgono una soluzione alternativa e cioè il pavimento laminato. Si tratta di un pavimento realizzato in legno pregiato rivestito da una parte in laminato che riproduce praticamente qualsiasi effetto del legno, compresi i trattamenti più costosi come lo sbiancato o l’anticato.

Le classiche piastrelle

Durante le ristrutturazioni Milano spesso si demoliscono le piastrelle, spesso presenti anche nella zona giorno, ma poi si decide di installarle di nuove che abbiano caratteristiche più al passo con i tempi. Infatti, si utilizzano piastrelle di grande formato, prenotazione del mosaico o addirittura di forma esagonale per i rivestimenti del bagno o della cucina.

Rivestimenti in resina

Negli ultimi tempi si è assistita a una crescita dei rivestimenti in resina. Si tratta di un pavimento realizzato in uno strato unico quindi il vantaggio di non spezzare la superficie ma renderla visivamente più ampia e spaziosa. La resina deve però essere posata su una base perfetta senza alcun problema di dislivello.